Incontro vertici del Collegio IPASVI di Pordenone con i Direttori Generali

0
1205

Il Presidente del Collegio IPASVI di Pordenone, dott. Luciano Clarizia, accompagnato dalla Vice Presidente dott.ssa Giulia Ortez, dal Segretario dott. Giuseppe Pedrinelli e dalla Tesoriera dott.ssa Domitilla Santarossa, ha incontrato i due Direttori Generali delle Aziende Sanitarie della provincia di Pordenone rispettivamente nei giorni 10 febbraio il Direttore Generale dell’ASS6 Dott. Samani e il 25 febbraio il Direttore generale degli Ospedali Riuniti di Pordenone Dott. Bordon.

Ad entrambi i Direttori sono state illustrate le attività del Collegio di Pordenone e le iniziative a tutela della professione e del cittadino intraprese nel recente passato, sottolineando la volontà di mantenere una sinergia continua e aggiornata con le direzioni generali, sanitarie, infermieristiche unitamente a Università ed enti locali per creare un flusso informativo virtuoso che sia promozionale al benessere organizzativo degli infermieri che lavorano nel contesto pordenonese, e sensibile agli esiti dell’assistenza percepiti dai cittadini che usufruiscono dei servizi sanitari.

All’incontro con il Direttore dell’ASS6 Dott. Samani si sono condivise le considerazioni che evidenziano l’importanza della figura infermieristica per le attività di assistenza in tutta l’area territoriale e quanto la professione infermieristica sta investendo per garantire il miglior servizio infermieristico agli assistiti dopo la dimissione a domicilio, in RSA/Case di Riposo e presso gli ambulatori dei Distretti.
Il Direttore Samani ha dimostrato una conoscenza dettagliata dello specifico ambito professionale infermieristico e si è impegnato a favorire sempre più la valorizzazione degli infermieri che operano nell’ASS6.

All’incontro con il Direttore Bordon degli Ospedali Riuniti di Pordenone era presente anche il Direttore Sanitario Dott. Scippa ai quali sono state poste richieste cogenti rispetto a:
– riconoscimento di una struttura complessa per la Direzione infermieristica viste le dimensioni e la complessità degli ospedali riuniti;
– verifica della situazione delle attribuzioni dei Coordinamenti infermieristici, fermi da anni e che necessitano di un concorso a breve;
– conferma dell’attivazione sul breve termine di un concorso, che coinvolga l’area vasta, per infermieri e che permetta a tutti i colleghi di poter partecipare senza particolari limitazioni, evitando errori già visti in precedenti concorsi;
– proposta di avvio sperimentazione per il “See&Treat” a gestione infermieristica da attivare per le U.O. di pronto soccorso degli Ospedali Riuniti, partendo da uno studio di fattibilità per una realtà, come da modello della regione Toscana.
I riscontri sono stati positivi per disponibilità all’ascolto e i propositi per il futuro sono di collaborare ogni volta che si discute di professione infermieristica.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO